Pd: più aiuti per immigrati senza reddito



Condividi!

Questa mattina il vicepresidente del Consiglio regionale ligure, tal Sergio Rossetti (Pd), ha partecipato alla presentazione del “Dossier statistico immigrazione 2017”. E’ quello in foto con la barba.

«I dati statistici presentati oggi – ha dichiarato – danno un’idea dei processi migratori completamente diversa dalla comunicazione mediatica fornita dalla politica. Invece di minacciare azioni da reato, come fa qualche amministratore del Comune di Genova, occorre fermarsi tutti e ragionare per avviare un confronto politico serio sul fenomeno migratorio, che non è solo quello degli arrivi, ma riguarda anche, soprattutto, quanti sono già presenti sul territorio».

Secondo Pippo Rossetti rispetto a questa realtà «mancano politiche sociali, politiche giovanili e di tutela per quanti sono senza reddito. Occorre, dunque, agire in questa direzione, colmando queste lacune, invece di alimentare tensioni, che sono controproducenti per la nostra società».

Un immigrato senza reddito è un controsenso: semplicemente non deve essere qui. Si aiuta gli italiani senza reddito, non chi viene e che ci è stato detto essere una ‘risorsa’.

Dai dati raccolti nel dossier, elaborato da IDOS e Confronti, emerge che nel 2016 in Liguria erano residenti 138.324 stranieri pari all’8,8% della popolazione totale e oltre il 50% sono donne. Rispetto al 2015 c’è stato un incremento degli stranieri residenti pari all’1,5%. In Italia fino all’anno scorso risiedevano 5 milioni 47 mila stranieri con un incremento di 20.875 unità rispetto all’anno precedente, mentre i movimenti migratori nel loro complesso hanno riguardato quasi un milione di persone.

VERIFICA LA NOTIZIA

Insomma, davanti a questi numeri, la priorità del PD è accelerare la sostituzione etnica. Favorirla in ogni modo. Votare loro è votare per la propria morte.



Lascia un commento