RAGAZZI MAROCCHINI ENTRANO IN CASA E MASSACRANO ANZIANA

Condividi!

Maria Ansaloni, 79enne trovata morta nella sua abitazione di Finale Emilia (Modena) lo scorso 18 settembre, è stata uccisa da tre ragazzi marocchini.

I tre bastardi sono stati fermati per omicidio: originari del Marocco, risiedono nel comune del Modenese da tempo e hanno agito per rubare, per altro un bottino irrisorio.

Due hanno 19 anni, il terzo 22. L’annuncio è stato dato in conferenza stampa a Modena dai militari. Il corpo della pensionata, che viveva da sola in casa, era stato trovato dai vicini. Non vedendola più uscire si erano allarmati, andando a controllare dentro l’abitazione. La donna era stata trovata riversa a terra in una pozza di sangue.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo scorso 29 settembre nell’abitazione di via via Orazio Vecchi a Finale Emilia erano giunti i carabinieri del Ris di Parma, aspetto questo che aveva lasciato intendere come ci fosse più di un dubbio sulle reali cause del decesso. La pista della caduta accidentale, prima ipotesi fatta, non aveva convinto gli inquirenti fin dall’inizio.

I tre amici si sarebbero trovati alla mattina del 18 settembre e avrebbero pianificato la rapina in quelle ore. Poi si sarebbero sposati nella casa di fronte a quella della vittima, in cui la famiglia di uno dei tre aveva abitato fino a poco tempo prima. Quando in tarda mattinata la 79enne è rientrata dalle commissioni, i tre avrebbero chiesto di essere accolti in casa per bere un bicchiere d’acqua: una scusa per poter razziare l’abitazione. L’anziana si è però ribellata e per tutta risposta uno dei tre l’avrebbe presa per il collo e poi colpita cin due bottiglie trovate in cucina, lasciandola riversa sul pavimento.

A seguito del brutale omicidio i tre si sono allontanati da Finale Emilia, salendo su una corriera per Ferrara, dove sono soliti incontrare altri amici. Da qui, due di loro hanno poi deciso di prendere il treno per arrivare a Milano, mentre il terzo è rientrato a casa. I due criminali hanno viaggiato quindi da Ferrara a Bologna e poi fino a Milano, incappando anche in una sanzione per essere stati scoperti da un controllore senza il biglietto. A due passi da Piazza Duomo, nel pomeriggio, si sono poi disfatti di uno dei collier rubati, intascando 500 euro presso un Compro Oro.

E così, i buonisti hanno sulla coscienza un’altra vittima italiana. Sarà contento Padoan.




Lascia un commento