Marocchino protesta: “Picchiato solo perché ho rubato”, presenta denuncia



Condividi!

Mangia diverse pizze senza pagare, poi tenta la fuga. Preso a legnate presenta denuncia e si fa intervistare dai media di distrazione di massa: “Bastonato per un pezzo di pizza”.

Imad Ben Bouchta è entrato in un locale di Bolzano e si è servito, senza pagare: «Ero ancora vestito da lavoro – spiega – perché dovevo vedere un amico, ma lui non c’era ancora. E così mentre aspettavo mi è scappato l’occhio sul bancone, dove c’era un vassoio con tartine e stuzzichini. Ho preso un pezzo di pizza e l’ho mangiato, senza avere la minima idea di cosa sarebbe accaduto qualche istante più tardi».

Ecco come racconta la vicenda, nel modo solitamente vergognoso, il giornale locale del gruppo svizzero:

Proprio mentre finiva di mangiare, infatti, Imad ha ricevuto la telefonata dell’amico con cui aveva appuntamento. «Mi ha detto che non ci saremo più visti lì, ma in un altro locale poco lontano, dove mi stava già aspettando». Un cambio di programma. Imad mette il telefono in tasca e si avvia verso l’uscita. Ma non arriva alla porta perché il cameriere dietro il bancone lo richiama. «Mi ha chiesto dove pensassi di andare – prosegue il racconto –: avevo preso una tartina e avrei dovuto pagarla. Ero esterrefatto. In quel momento è arrivato il titolare, che conosco, e ho iniziato a parlare con lui. Gli ho detto che se voleva che gli pagassi un minuscolo pezzo di pizza glielo avrei pagato. Parlavamo, non stavamo litigando». A quel punto, però, secondo la ricostruzione dei fatti di Idam, arriva il colpo di scena. «Alle mie spalle – racconta – è arrivata il cameriere. Credo avesse una specie di manganello e senza dire nulla mi ha colpito da dietro, sferrandomi un violentissimo colpo all’occhio sinistro. Io sono caduto a terra e il proprietario, insieme a un altro, ha cercato di trascinarmi fuori dal locale. Ero ricoperto di sangue e pochi minuti dopo sono arrivate numerose pattuglie della polizia e i sanitari del 118. Imad è rimasto fino alle 2.15 in ospedale per le medicazioni: alcuni punti sul sopracciglio sinistro, antibiotici per qualche giorno e il rischio di perdere il posto di lavoro. «Sono stato assunto da poco e sto affrontando il periodo di prova. Intanto, ho già sporto denuncia in questura perché è inammissibile che possano accadere cose simili».

VERIFICA LA NOTIZIA

Già il fatto di entrare in un qualsiasi posto, servirsi e poi andarsene come nulla fosse, meriterebbe una legnata in testa. Ma non è nemmeno andata così:

«Il ragazzo era ubriaco e ha mangiato parecchie pizzette – racconta il titolare – Quando s’è allontanato, il cameriere lo ha invitato a pagarle e lui s’è messo a correre tra la gente, è uscito e ha tentato di scappare, ma è caduto tra le macchine ed è lì che ha battuto il capo, ferendosi all’occhio». Per fortuna il titolare ha le immagini delle telecamere, altrimenti i magistrati lo avrebbero cotto a fuoco lento.



Lascia un commento