Bergoglio: “Pagare le tasse è un atto dovuto”, lui ha la percentuale



«Pagare le tasse è un atto dovuto per sentirsi cittadini», afferma Bergoglio all’Angelus e «il cristiano è chiamato a impegnarsi concretamente nelle realtà umane e sociali senza contrapporre “Dio” e “Cesare”, ma illuminando le realtà terrene con la luce che viene da Dio». Dunque, «è giusto sentirsi cittadini di uno Stato, ma siamo immagine di Dio», mentre «contrapporre Dio e Cesare è un atteggiamento fondamentalista».

Il conflitto di interessi di Bergoglio è evidente: prendendo l’8 per mille del racket delle tasse, più cresce il gettito più lui e i suoi incassano. E poi destinano al business dell’invasione.

L’idea che ‘pagare le tasse sia un atto dovuto’ è il rovesciamento della legge naturale. Non è lo Stato che concede graziosamente diritti ai cittadini, in democrazia sono i cittadini ad essere fonte dei diritti. Sono loro il ‘sovrano’. Ma la sovrastruttura statale è cresciuta talmente tanto, si è talmente tanto incistata nel tessuto sociale, da erigersi a potere ‘irresponsabile’ in quanto tale.

VERIFICA LA NOTIZIA

Dovrebbero essere i cittadini a decidere se e quanto destinare ad una struttura comune chiamata ‘Stato’, e non lo Stato attraverso una elefantiaca burocrazia ad imporre ai cittadini quanto devono pagare.

Ci siamo liberati dei re per finire schiavi di una burocrazia parassitaria chiamata Stato.



Lascia un commento