Ministro marocchino: “Gay sono spazzatura”

Condividi!

Il ministro marocchino dei Diritti umani ha spiegato ai giornalisti che per lui gli omosessuali sono “spazzatura”, poi ha voluto chiarire sulla sua pagina Facebook che “l’omosessualità è un crimine e inoltre non è accettabile dalla nostra società”. Il fatto che ISIS li gettasse dai tetti non era un’eresia, ma ortodossia islamica.

Qualche giorno fa, a margine di una riunione sul tema della tortura, Mustapha Ramid, il ministro con delega su tutto quel che riguarda diritti fondamentali e temi umanitari, rispondendo alle domande dei giornalisti sulla depenalizzazione del reato di omosessualità, ha perso le staffe: “Non ho tempo per questi argomenti, per me gli omosessuali sono spazzatura“.

Ramid, classe 1959, due mogli, avvocato, fa parte del Pjd, il partito filo-islamista che ha la maggioranza di governo, e non è nuovo a queste sortite. Nel 2015, quando era ministro della Giustizia, ospite di una seguitissima trasmissione radiofonica, aveva spiegato: “per non avere problemi con la legge, gli omosessuali devono soltanto cambiare sesso“. Casablanca è in Marocco.

VERIFICA LA NOTIZIA

La differenza tra noi e i musulmani è che per noi gli omosessuali non sono il problema. Il problema è l’ostentazione dell’omosessualità e cose improponibili nonché bizzarre come il ‘matrimonio’ gay o, addirittura, le adozioni di bambini. Ma non perché l’omosessuale sia ‘spazzatura’ o abbia meno diritti di una persona con tendenze sessuali normali, semplicemente perché i bambini hanno diritto ad una famiglia. Insomma: D&G sì, Vendola no. E comunque, noi, Vendola non lo lanceremmo dai tetti. Semmai lo metteremmo in galera. Sezione femminile però.

Tornando al ministro e al Marocco, c’è da notare che la Grande Moschea di Roma, il cui presidente è stato nominato un paio di giorni fa nella ‘persona’ di Khalid Chaouki, deputato marocchino del PD, ha un responsabile (Redouane), quello che comanda anche Chaouki, che è per statuto un funzionario del governo marocchino.

Quindi abbiamo un governo, quello marocchino, che ritiene i gay spazzatura. E un suo funzionario che dirige la più grande moschea in Italia. Della quale è presidente un deputato del PD. Per proprietà transitiva, se ne deduce che anche il connazionale di Redouane ritenga i gay spazzatura. O comunque non ritenga questa idea un ostacolo alla sua collaborazione con il governo del Marocco.




Lascia un commento