A Milano ecco lo stupro con l’interprete



Deve averlo imparato a qualche corso di bot ton sessuale per i profughi organizzato dal governo tedesco.

Si è presentato da lei con una interprete per riuscire a farsi capire. Poi, dopo il suo rifiuto, che evidentemente non era contemplato nei corsi di Merkel, è passato alle maniere forti: pugni e schiaffi. Poi lo stupro. Con l’interprete.

Un cittadino marocchino fino a qualche giorno fa domiciliato in Germania e arrivato in Italia per stuprare, è stato arrestato nella notte tra martedì e mercoledì con l’accusa di violenza sessuale su una donna di trentasette anni.

E’ accaduto in viale Jenner, proprio nei pressi della famigerata moschea.

La donna ha rifiutato l’offerta del Marocchino, che le aveva offerto soldi in cambio di sesso, scatenando la follia del migrante, che le ha subito stretto una mano attorno al collo e l’ha spinta contro il muro. Dopo si è abbassato i pantaloni e gli slip iniziando a palpare la donna e cercando di spogliarla.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ad allertare i carabinieri è stato un automobilista di passaggio, che si è accorto della scena e ha immediatamente dato l’allarme. Favorendo la fuga della vittima prima che lo stupro andasse a ‘buon’ fine.

Quando i militari lo hanno fermato, nella vicinissima via Livigno, l’uomo aveva i genitali di fuori. E’ stato arrestato.



Lascia un commento