La tenaglia islamica sull’Italia: è invasione organizzata

Una tenaglia islamica si chiude sull’Italia. A est gli Algerini assaltano la Sardegna. A Ovest i loro colleghi tunisini appena usciti dalle carceri sbarcano in massa in Sicilia.

Complice il governo non eletto di incapaci, dietologi e amanti dei rolex, un’ondata senza precedenti di giovani maschi islamici si sta abbattendo sul territorio. Tra sbarchi fantasma e non, migliaia di musulmani arrivano e poi si dileguano diffondendosi, anche armati di machete, nel territorio.

L’ultimo caso ha visto l’arrivo di un gruppo di clandestini su un grosso gommone. Dopo hanno abbandonato il mezzo, certamente non a buon mercato, e i loro smartphone. Non sono disperati. Potrebbero essere terroristi. Ben che vada spacciatori e criminali.

In Sicilia in molti sono stati costretti ad abbandonare le case sul mare per il terrore di subire le violenze dei detenuti tunisini in arrivo. Molti i casi di violenze e molestie. In Sardegna, a Cagliari, nascono ronde cittadine dopo le quotidiane violenze degli algerini.

Questa è l’Italia che vogliamo? Stuprata da Nordafricani perché lo vuole il PD, partito di criminali politici mai eletti che non ha mai superato 1/4 dei voti dei cittadini e, nonostante questo, governa da anni?



Lascia un commento