Ospitano migrante in casa, lui chiede 10mila di buonuscita

Diecimila euro è la somma che i due anziani buonisti avrebbero dovuto versare nelle casse di un migrante che la coppia di vispe terese aveva accolto in casa 5 anni fa. Per questo i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Roma Cassia hanno arrestato un cittadino romeno di 65 anni, incensurato, con l’accusa di estorsione ai danni dei due coniugi.

Il migrante era ospite in casa delle vittime da circa 5 anni: da qualche tempo, però, aveva iniziato a manifestare la tendenza all’abuso di alcolici. Che novità, un romeno ubriaco.

Dopo alcuni episodi preoccupanti, i due buonisti si erano finalmente resi conto dell’errore. Dopo 5 anni. Hanno così deciso di chiedergli di lasciare casa.

Il cittadino romeno non solo si è rifiutato di allontanarsi dall’abitazione, ma con toni violenti e minacciosi, ha preteso dai padroni di casa ingenti somme di denaro, fino ad arrivare alla richiesta di 10.000 euro, quale “buona uscita”.

VERIFICA LA NOTIZIA

La coppia ha, quindi, deciso di chiedere aiuto ai Carabinieri che, ben compresa la situazione, hanno arrestato il cittadino romeno. Il migrante è stato portato nel carcere di Regina Coeli dove rimane in attesa di essere processato.



Lascia un commento