Detenuti tunisini sbarcano armati di machete e in diretta tv, nessuno li ferma

Ormai sbarcano in diretta e si trovano sui barconi armi come machete o falci

L’ultimo “sbarco fantasma” a Torre Salsa. Ieri sono sbarcati altri detenuti tunisini. Sul posto, anche l’associazione ambientalista di Agrigento, MareAmico e una troupe di Matrix, trasmissione in onda sulle reti Mediaset. Lo “sbarco fantasma” è stato ripreso in modo integrale. Il servizio andrà in onda mercoledì in seconda serata.

Ora sbarcano anche in diretta tv. Tutti sanno dove sbarcano, eppure il governo abusivo del dietologo Minniti non è in grado di inviare un presidio sulla spiaggia. Forse per un accordo con qualche organizzazione che in cambio promette di non colpire in Italia, chissà.

E guardate cosa trovano sui barconi fantasma:

La situazione è drammatica e grave. Su un gommone come quello che poi abbandonano tranquillamente, non arrivano disperati, arrivano delinquenti.

C’è un piano di colonizzazione islamica. E non è un caso che appena rallentata l’invasione di subsahariani dalla Libia, il governo italiano (che finanzia quello tunisino con centinaia di milioni di euro) abbia dato il via libera a quella di nordafricani da Tunisia e Algeria.

VERIFICA LA NOTIZIA

Questi sbarcano armati con piccoli machete o falci in diretta e il governo fa nulla per fermarli. Perché?



Lascia un commento