PD sputa sull’eroe Quattrocchi, dobbiamo spazzarlo via alle urne



Giorni fa, il Comune di Genova ha intitolato una strada all’eroe italiano Fabrizio Quattrocchi. “Vi faccio vedere io come muore un italiano”, disse, prima di essere ‘giustiziato’, nell’aprile del 2004, dai tagliagole islamici in Iraq.

Ma non tutti hanno onorato l’eroe italiano Quattrocchi. La mozione è stata respinta dal PD. Per il consigliere comunale del Partito Democratico Stefano Bernini “quella che si vuole propagandare oggi è l’attività di un mercenario”. E per Paolo Putti, di ‘Chiamami Genova’: “Non mi sento di fare una graduatoria sul fatto che uno abbia detto Italia o no, prima di morire”, ha detto Putti proponendo di dedicare la strada ai bambini “vittime delle bombe intelligenti”. Sicuramente più di lui.

Non sorprende che il PD derida chi è morto pensando alla Patria. Chi, prima di esalare l’ultimo respiro, ha fatto richiamo al proprio sangue. Chi è morto da Italiano. Per loro, essere italiano è una semplice espressione geografica. E nel mondo dello ius soli, non ci sono eroi, ma solo profittatori e parassiti. Anche per Quattrocchi dobbiamo fermare la follia decadente dello ius soli, anche per lui dobbiamo tornare al Sangue: allo ius sanguinis. Perché tra qualche decennio nuovi ‘italiani’ non sgozzino veri italiani in Italia.

Quattrocchi non ha bisogno di una via. Non ha certamente bisogno che di lui parli bene il PD. Lui è morto da italiano, questi non sanno neanche vivere da italiani.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ma se ce ne fosse bisogno, dimostra ancora una volta che il PD è un partito eversivo. Una congrega di affaristi senza ideali. Da Mafia Capitale ai Rolex. Con un partito del genere, che sputa sull’eroe Quattrocchi, non si discute nemmeno. Non si tratta su nulla. Non sono avversari politici. Non è un avversario politico chi ha, nel proprio programma, la volontà di eliminare il popolo che dovrebbe servire con immigrati afroislamici: i traditori non sono avversari, sono nemici. Nemici del popolo. I traditori si combattono.

Digiunate, pezzi di merda.



Lascia un commento