Marocchino sventra la moglie, era integrato



Si è costituito il Marocchino che nella notte ha ucciso a coltellate la moglie nella sua abitazione di Asti.

L’uomo, 46 anni, si è presentato dai carabinieri ed ha confessato di averla uccisa al culmine di un litigio. Poi si è cambiato gli abiti e si è allontanato. I carabinieri, che lo hanno fermato, indagano ora sui motivi del gesto. L’uomo, un operaio, non aveva precedenti e viveva da anni in Italia. Integrato.

Quello che i media di distrazione di massa definiscono ‘femminicidio’, e che altro non è se non l’ennesimo crimine degli immigrati, è avvenuto al secondo piano di una palazzina di via Montebruno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, avvisati dai vicini di casa che poco prima avevano udito delle urla.

VERIFICA LA NOTIZIA

Due i fendenti mortali che hanno ucciso la donna, uno all’addome e l’altro al torace, inferti con un coltello da cucina. All’arrivo dei militari la vittima era riversa a terra sul balcone, dove probabilmente si era trascinata per chiedere aiuto. La coppia non aveva figli.



Lascia un commento