Affonda barcone di ex detenuti tunisini diretti in Italia

Imprevisti dell’immigrazione clandestina. Una nave militare tunisina e il solito barcone con a bordo una settantina di ex detenuti tunisini sono entrate in collisione al largo delle coste di Tunisi. Nell’incidente, secondo quanto si apprende, vi sarebbero numerose vittime.

Nella collisione, avvenuta in acque Sar maltesi, sarebbero morti otto clandestini e altri sarebbero dispersi. La maggior parte dei clandestini sarebbero stati recurati.

VERIFICA LA NOTIZIA

Dopo la collisione la barca con a bordo i clandestini è affondata.

Su richiesta di Malta, ai ‘soccorsi’ di potenziali terroristi islamici che arrivano in Italia a frotte dopo l’indulto di Tunisi con sbarchi fantasma, partecipano anche unità navali italiane: due motovedette della Guardia Costiera salpate da Lampedusa, una motovedetta della Guardia di Finanza e una nave della Marina Militare.

Come se i Greci avessero inviato soccorsi alle navi persiane che affondavano a largo di Capo Artemisio.



Lascia un commento