Guerriglia islamica in Francia dopo chiusura moschea – VIDEO

Guerriglia islamica a Sartrouville, in Francia, che va avanti da due notti, dopo la chiusura di una moschea ritenuta ‘estremista’. Negli ultimi due anni sono state chiuse in Francia 19 moschee, otto di queste nel frattempo sono state riaperte.

La chiusura a Sartrouville ha scatenato la reazione della comunità islamica locale:

Nel caso di Sartrouville, la moschea “Salle des Indes” è stata chiusa perché «al suo interno si è sviluppato un sostegno costante alle grandi figure del jihadismo come Osama Bin Laden», si legge nell’ordine del prefetto. «Alcuni fedeli della moschea sono stati segnalati nel 2013 come partenti verso la Siria, altri hanno praticato un proselitismo esacerbato e sono stati poi arrestati per associazione a delinquere con finalità terroristiche». Inoltre, «una giovane donna è stata convinta dalla comunità a partire per la Siria nel 2014».

VERIFICA LA NOTIZIA

Il presidente dell’associazione musulmana che gestisce la moschea frequentava Djamel Beghal, due volte condannato per terrorismo. L’uomo «influenzava negativamente gli studenti delle scuole locali portando alcuni di loro a sostenere il jihad». Di conseguenza, si erano moltiplicati intorno alla moschea graffiti «inneggianti all’Isis, mentre gli studenti venivano invitati a non rispettare le leggi della Repubblica e a legittimare la sharia». Ecco perché la moschea rappresenta «un grave rischio per la sicurezza e l’ordine pubblico».

A Fontenay-aux-Roses, è stata invece chiusa la moschea del quartiere Paradis perché l’8 e il 15 settembre sono stati fatti all’interno dei discorsi che descrivevano «i terroristi come “musulmani di fede” e che miravano a distinguere “i musulmani da una parte e i cani infedeli dall’altra”». Secondo il prefetto, simili appelli «incitano all’odio e alla violenza». L’associazione dei musulmani responsabile della moschea si è lamentata su internet invitando i fedeli su Facebook a «invocare con forza Allah perché ne permetta una riapertura rapida», definendo la chiusura «ingiusta».



Lascia un commento