Profugo arrestato con mezzo chilo di droga torna in hotel dopo 24 ore

Il profugo arrestato tre giorni fa, perché nella sua stanza all’interno della struttura ricettiva per sedicenti profughi in cui è ospitato, era stato trovato mezzo chilo di droga, è già libero.

Il richiedente asilo di 18 anni, C.S, cittadino del Gambia ammesso al sistema di protezione internazionale (Sprar), è stato liberato 24 ore dopo l’arresto.

Nel processo per direttissima celebrato in Tribunale a Ferrara, infatti, la condanna a suo carico è stata di un anno e mezzo, con pena sospesa perché incensurato. Non l’avevano ancora beccato.

Così, lo spacciatore è stato immediatamente scarcerato ed è potuto tornare alla stessa struttura in cui era ospitato (e dove era stato arrestato).

VERIFICA LA NOTIZIA

Nel frattempo i carabinieri continuano le indagini per risalire al fornitore del pusher rimesso in libertà, visto che non si tratta dell’ennesimo caso di un richiedente asilo trovato con quantitativi di stupefacente pronti per essere spacciati.



Lascia un commento