Libia, bloccati 6mila clandestini in partenza per Italia, erano in rifugi ISIS



Sono più di seimila i clandestini trovati in varie località segrete di Sabratha, la città libica liberata oggi dalle forze fedeli al generale Khalifa Haftar. La città era occupata da ISIS, lo Stato Islamico.

Lo ha annunciato Basem Gharabli, responsabile a Sabratha del contrasto alle migrazioni illegali: ”Erano stati riuniti per farli partire illegalmente dalle coste libiche fino all’Italia”, spiega, affermando che ”questi clnadestini sono stati riuniti nella sede della sala operativa per la lotta all’organizzazione dello Stato islamico”.

Ragazzi, questa è la conferma: ISIS invia i clandestini in Italia e attraverso l’Italia in tutta Europa. Con il doppio obiettivo: di islamizzarci a lungo termine, e di colpirci attraverso i terroristi che, ormai è chiaro, salgono sui barconi.

VERIFICA LA NOTIZIA

”Avevamo messo a punto un piano scientifico e ben studiato per contrastare l’immigrazione, ma gli scontri (in corso dal 17 settembre a Sabratha, ndr) ci hanno impedito di attuarlo”, ha aggiunto il responsabile. Gharabli ha poi rivolto un appello ”al governo di concordia nazionale libico e alla comunità internazionale” affinché siano il loro ”appoggio per ospitare questi immigrati. Noi non abbiamo la possibilità, né i mezzi per accudirli”.

Noi un’idea l’avremmo, su come accudire questi delinquenti di ISIS. Ma ci basta che li rimandiate a casa loro.



Lascia un commento