Boldrini inaugura mostra su immigrazione: “Ius Soli subito”

Ennesima marchetta all’invasione dell’abusiva Boldrini, presidentesso di Montecitorio, in occasione della giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione. Che secondo loro sarebbero i futuri spacciatori affogati mentre tentavano di raggiungere l’Italia e non le donne stuprate e molestate da quelli che sono riusciti a sbarcare.

Boldrini, presente anche la trombata di Lampedusa Nicolini, ha inaugurato la mostra ‘Bambini. Storie di viaggio e di speranza’, e di stupri sulla spiaggia di Rimini: “Non approvare entro la legislatura la legge sulla cittadinanza – ha detto il presidente della Camera – sarebbe un errore politico, dimostrare una subalternità politica. Significherebbe deludere tanti giovani che hanno creduto a una promessa. Sarebbe fare la cosa sbagliata”. Poi ha consigliato ai ministri di salire su una barca e di partecipare alle operazioni di traghettamento, in modo tale da poter avere un’idea più chiara sulla reale dimensione dell’emergenza migranti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Roberto Calderoli ha invitato la Boldrini a pensare ai ragazzini africani, che nel Trevigiano hanno messo e ferro e fuoco un treno aggredendo, minacciando e insultando i passeggeri, o della baby gang di egiziani che a Milano ha cercato di violentare due ragazze in un parco: “Prima di regalare la cittadinanza italiana con lo ius soli – ha commentato il leghista – rendiamoci conto che questi minori devono seguire un lungo percorso di integrazione, imparando a rispettare i nostri valori e anche le nostre leggi, cosa che, come dimostra la cronaca quotidiana, non sta affatto avvenendo. Oppure – ha concluso – vogliamo premiare questi piccoli criminali dandogli la cittadinanza?”.

L’ossessione di Boldrini e company denota che si stanno rendendo conto di avere perso. E che il tempo sta scadendo.



Lascia un commento