Bologna, agenti circondati da immigrati che tentano di impedire arresto – VIDEO



⚠ GUARDATE e CONDIVIDETE ⚠ ++ Agenti circondati durante un fermo ++"Benvenuti in Montagnola, #Bologna, il parco napoleonico nel cuore verde della città adibito allo spaccio e alla violenza,da un'amministrazione che non ha nessuna intenzione di cambiare le cose, anzi probabilmente di lasciare che peggiorino finché non ci scapperà il morto. Queste sono scene di ordinaria quotidianità, anzi, non ordinaria visto che gli arresti accadono raramente e quando accadono purtroppo le forze dell'ordine vengono aggredite verbalmente e fisicamente da gruppi interi di spacciatori che fingono di essere stati malmenati e che devono essere rilasciati."(Ambulante)

Posted by Lucia Borgonzoni on Sunday, October 1, 2017

Quattro agenti cercano di portare via un immigrato del Gambia ma vengono circondati dai suoi ‘colleghi’, altri extracomunitari che cercano di strapparlo dalle mani della polizia. Ormai accade così in tutta Italia: solidarietà etnica.

E mentre cercano di portarlo verso le auto di servizio, altri giovani maschi africani in fuga dalla guerra in Siria li accerchiano per strappare l’amico dalle mani della municipale mentre gambiano spintona e sputa addosso agli agenti. Solo dopo un duro confronto sono riusciti a bloccarlo e a portarlo in ospedale, dove è stato sedato. Uno degli agenti è stato medicato in ospedale per le ferite riportate e guaribili con due giorni di prognosi.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Benvenuti in Montagnola il parco napoleonico nel cuore verde della città adibito allo spaccio e alla violenza, da un’amministrazione che non ha nessuna intenzione di cambiare le cose, anzi probabilmente di lasciare che peggiorino finché non ci scapperà il morto”, attacca su Facebook Lucia Borgonzoni, capogruppo della Lega in consiglio comunale. “Queste sono scene di ordinaria quotidianità, anzi, non ordinaria visto che gli arresti accadono raramente e quando accadono purtroppo le forze dell’ordine vengono aggredite verbalmente e fisicamente da gruppi interi di spacciatori che fingono di essere stati malmenati e che devono essere rilasciati”.



Lascia un commento