Rom armati di molotov distruggono bus a Roma – VIDEO



Sette al mese. A Roma, gli zingari non costano ai contribuenti solo i 200 milioni necessari a mantenerli per, sostanzialmente, rubare e avvelenare i cittadini con fumi tossici. No, c’è anche da ripagare i danni dei bus che loro distruggono.

“Ogni settimana, da anni, nella rimessa adiacente al campo rom di via Candoni. Aggressioni, furti, lanci di pietre e bottiglie molotov contro i bus in transito o fermi nel deposito. L’ultimo, due settimane fa, quando, tre vetture sono state colpite da una sassaiola partita dal vicino campo nomadi.
Ci bersagliano quasi ogni notte con pietre ed altri oggetti per divertimento”, spiega il conducente, “dieci giorni fa è rimasta ferita anche una guardia giurata e abbiamo dovuto chiamare l’ambulanza. Sono perlopiù bambini ed adolescenti – racconta – lo fanno per gioco, è il loro passatempo quando si annoiano e sanno che non verranno perseguiti perché sono minorenni”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ascoltate il reportage del Giornale:

L’autista parla di 6/7 ‘episodi’ al mese. Significa che in un anno danneggiano almeno una settantina di bus.

VERIFICA LA NOTIZIA


Lascia un commento