ASSALTO ALLE COSTE SARDE: 300 ALGERINI IN 72 ORE



Dall’Algeria alla Sardegna. Ormai è assalto. I clandestini arrivati nelle ultime 72 ore sull’isola sono stati quasi 300, numero che rappresenta già quasi un quinto dei 1.600 totalizzati, sullo stesso tragitto marittimo, nell’intero 2016. E’ una strategia dei gruppi terroristiti per inviare islamici in Italia.

Dopo quelli di martedì – erano 183, nordafricani e africani: ancora non è chiara la nazionalità – durante la notte si sono registrati altri tre sbarchi per complessive 49 persone. In particolare un barchino con a bordo 17 clandestini partiti dall’Algeria è approdato sulla spiaggia di Cala Sapone a San’Antioco, nel Sulcis; un altro natante con 12 islamici, tra i quali uno scudo umano, un bambino, è arrivato sulla spiaggia di Porto Pino nel territorio di Sant’Anna Arresi. Infine altri 20 hanno raggiunto il porto di Sant’Antioco fermandosi proprio davanti alla stazione del Reparto operativo aeronavale delle Fiamme gialle.

I clandestini, che il Corriere della Sera con involontaria comincità definisce profughi (anche loro in fuga dalla guerra in Siria) sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. Complessivamente in meno di due giorni sono arrivati in Sardegna 232 stranieri.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il ripetersi degli sbarchi in Sardegna e in Sicilia (detenuti tunisini) non ha alcuna relazione con i controlli in Libia, da lì partono africani negri.



Lascia un commento