Boldrini terrorizzata da AfD: “Razzisti in parlamento”



“Oggi in Europa purtroppo ci sono molti movimenti e partiti che ancora si ispirano a quelle idee, a quella mentalità, a quell’estremismo. Abbiamo visto l’altro ieri le elezioni in Germania, che è una democrazia forte, solida, stabile. Dunque da questo punto di vista dovremmo stare sereni. Però, certo, sapere che per la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale al Bundestag tedesco entreranno deputati che hanno nel razzismo e nella xenofobia una loro caratteristica, questo sicuramente non ci tranquillizza”.

AfD ha preso quasi il 15 per cento dei voti. Il partito che ha portato lei alla Camera meno del 2%. E lei è presidentesso solo grazie ad un premio di maggioranza incostituzionale che avrebbe esaltato Hitler e che Mussolini si sognava. Il suo concetto di democrazia fa acquo da tutte le parti.

Che poi ha aggiunto: “Spesso si dimentica che ad aiutare i nazisti erano i fascisti, cioè altri italiani che si mettevano contro i loro confratelli. E questa è la conferma che non si può parlare di un “fascismo buono” contrapposto ad un “nazismo cattivo”. Questa è una ricostruzione che non esiste, non funziona, è un’alterazione della storia”.
“Chi si ispira ancora oggi, purtroppo, al ventennio non può quindi rivendicare alcun patriottismo, perché Mussolini consegnò l’Italia ad una potenza straniera che perseguiva unicamente il suo interesse di dominio. Questo non è patriottico. E allora anche sulla parole stiamo attenti a non farci espropriare. Come quello di “patria”: concetto bello, alto, nobile. Molto diverso da quello di “nazionalismo”, che invece è gretto, chiuso, crea muri, fili spinati. L’essere patriota è una cosa che deve riguardare ogni persona democratica, ed è un termine che non va frainteso”.

Troppo. Boldrini che parla di Patria e Patrioti è come sentire Pacciani parlare di infanzia. La Patria esiste in quanto ha dei confini, che vanno protetti. Esiste in quanto comunità non di destino, ma di sangue.

E su Mussolini e la ‘consegna’ l’argomento è talmente vasto che difficilmente entra nella testa di Boldrini e in questo articolo.



Lascia un commento