Profugo affidato a famiglia italiana piazza bomba nella metro, sbarcato nel 2015

Condividi!

Incriminato per l’attentato nella metropolitana di Londra, il profugo iracheno Ahmed Hassan, 18enne. E’ confermato che il terrorista islamico è sbarcato in Italia, a Trieste, con la prima ondata di finti profughi in fuga da Isis, in realtà ‘inviati da Isis’, su una nave partita dalla Turchia il 26 agosto 2015. Alla polizia aveva dichiarato di essere un minorenne siriano, e fu affidato a una casa famiglia italiana per poi fuggire dopo pochi giorni.

Ecco gli 11 terroristi islamici sbarcati in Italia

Trasferito poi in Inghilterra, è stato ospitato da una coppia di cuckold locali, decorata da Elisabetta II per essersi presa cura di 268 ‘ragazzi’, per la maggior parte sedicenti profughi islamici.

Amazon suggerisce come realizzare una bomba

Il 18enne si sarebbe servito di perossido di acetone (“la madre di Satana” nel gergo dell’Isis), per poi acquistare su Amazon i restanti componenti e far deflagrare il tutto alle 8:20 del 15 settembre alla fermata di Parsons Green. Hassan è stato catturato a Dover un giorno dopo l’attentato, mentre cercava di imbarcarsi su un traghetto per la Francia. Delle altre sei persone arrestate ne restano in custodia solo due, la cui posizione è ancora al vaglio degli inquirenti per stabilire se hanno contribuito al piano.

VERIFICA LA NOTIZIA