Circoncisione islamica in ospedali pubblici, l’ultima follia del PD

Condividi!

In Piemonte parte la circoncisione in ospedale, al Martini di Torino. E’ l’ultimo arricchimento culturale dell’immigrazione.

L’intervento, eseguito su bimbi dagli 8 anni in su, consiste nell’escissione parziale o totale del prepuzio. Il costo, inclusi esami e consulenze pre-operatorie e visita di controllo, è di 280 euro. Alla prenotazione è previsto il pagamento di un misero ticket di 26,70 euro. Il resto lo pagano i contribuenti.

L’avevano chiesto:

Musulmani vogliono circoncisione islamica in ospedali pubblici

E ogni ‘loro’ desiderio è un ordine per il partito islamico di riferimento, il PD.

“Auspichiamo che i rappresentanti delle comunità islamiche – afferma l’assessore all’Immigrazione, Monica Cerutti – possano far conoscere il percorso. La Regione Piemonte ritiene che il rispetto della tradizione racchiusa nel rito della circoncisione rituale debba avvenire nel rispetto delle norme di sicurezza”. A quando una bella infibulazione pubblica a spese dei cittadini italiani?

“La procedura – aggiunge l’assessore alla Sanità, Antonio Saitta – corrisponde all’impostazione che da sempre la Regione ha adottato in una materia così delicata, e ha l’obiettivo di salvaguardare la salute dei pazienti ed evitare il ricorso a pratiche pericolose per la salute”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ora dobbiamo anche fare i servizietti ai figli degli immigrati a spese dei contribuenti. Magari, chirurghi, ‘eccedete’ nel taglio.




Lascia un commento