Ambulante marocchino condannato per terrorismo islamico

Condividi!

Il gip di Catanzaro ha condannato a 4 anni e 6 mesi con rito abbreviato, Mehdi Hamil il marocchino di 25 anni ritenuto un aspirante terrorista islamico disponibile a raggiungere Siria e Iraq per combattere il Jihad a sostegno dello Stato Islamico.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il migrante, giunto in Italia nel 2005 per ricongiungersi ai familiari residenti a Luzzi (maledetti ricongiungimenti familiari), dove fanno i venditori ambulanti, era stato arrestato il 25 gennaio 2016 dalla Digos di Cosenza. Dalle indagini, secondo l’accusa, era emerso una “naturale” propensione di Hamil a sposare la causa dell’Isis: utilizzo di piattaforme di comunicazione diverse da quelle abituali; l’accanito interesse per immagini, filmati e contenuti propagandistici riferiti all’organizzazione linkati quotidianamente tramite diversi siti telematici d’area i cui contenuti rimandano a forme di addestramento e combattimento tra soggetti incappucciati, tutti contrassegnati dal simbolo dell’Isis e la volontà di raggiungere la Turchia e successivamente il progetto di trasferirsi in Belgio.




Lascia un commento