Malaria si diffonde, altri 2 Immigrati infetti in Toscana

DUE CASI DI MALARIA IN TOSCANA: PAKISTANI

E’ ancora un cittadino extracomunitario, di nazionalità pakistana classe 1975, il quattordicesimo caso di infetto di malaria a Prato in 8 mesi. Insieme a lui anche un connazionale del 1990, ma residente a Quarrata, Pistoia, si è rivolto con i medesimi sintomi all’ospedale Santo Stefano. Entrambi di rientro da un viaggio nei loro Paesi di origine, appena giunti in Italia hanno manifestato i sintomi della patologia, che recentemente è tornata a far paura dopo la morte della piccola Sofia Zago di appena 4 anni.

Questi personaggi vanno avanti e indietro senza controlli dai loro paesi, dove le epidemie di questo tipo sono endemiche, e poi le bambine italiane muoiono.

Come spiegato in una precedente intervista alla Nazione dalla dottoressa Donatella Aquilini, responsabile del reparto di malattie infettive del Santo Stefano, a Prato

VERIFICA LA NOTIZIA
ro si era fermato a dodici.

Adesso con il 42enne pakistano si sale a quattordici segnalazioni. I tredici casi di malaria del 2017 sono stati causati otto dal ceppo Plasmodium falciparum ed i restanti cinque dal vivax. Ora i casi attribuibili a questa tipologia salgono a sei per l’area pratese. La segnalazione del paziente di Quarrata fa invece riferimento al territorio pistoiese.

Malaria, spunta dossier governo: “La portano immigrati”

Come aveva spiegato bene la dottoressa Aquilini si tratta di situazioni possibili specialmente negli stranieri che da anni si sono trasferiti in Italia. Quando questi tornano al loro Paese d’origine, spesso non si tutelano per quanto riguarda la malaria pensando di essere ancora immuni. In realtà tale immunità diminuisce dopo che per anni ci si è trasferiti in Italia o comunque in Europa dove il parassita della malaria non è più presente.

Immaginate cosa significhi per chi, come noi, è sempre vissuto in Italia, entrare in contatto con individui infetti o con qualcosa che li ha punti.

Infatti, a Prato si è registrato un solo caso di malaria in un donna italiana, tutti gli altri pazienti sono extracomunitari.



Lascia un commento