Sposata a sua insaputa con Immigrato: “Vita rovinata”



Condividi!

Patrizia Avino, ragazza napoletana di 30 anni, è sposata a sua insaputa con un migrante.

La donna si è ritrovata sposata, a sua insaputa, con un immigrato egiziano di 26 anni di cui non conosceva nemmeno l’esistenza.

Inizia tutto il 15 luglio del 2015, quando Patrizia scopre di esser sposata a migrante. Denuncia tutto alle forze dell’ordine e, così, scopre di esser finita in una rete di una donna che organizzava matrimoni ad insaputa delle vittime per far ottenere a cittadini stranieri la cittadinanza italiana dietro il pagamento di una somma in denaro.

VERIFICA LA NOTIZIA

Da quel giorno, infatti, Patrizia risulta essere sposata con l’immigrato e essere residente a Parma quando invece vive a Napoli. La ragazza non può così sposarsi con il suo fidanzato perché, legalmente, è la moglie dell’egiziano. L’avvocato della donna ha chiesto un risarcimento da 30mila euro al comune di Napoli, senza però ricevere ancora alcuna risposta da De Magistris, il sindaco dei migranti.

E questo è solo l’inizio. Nel futuro distopico che preparano gli antirazzisti, sposare i migranti sarà obbligatorio. Il meticciamento un ‘dovere civico’ del buon suddito della Globalizzazione.



Lascia un commento