Dopo Malaria casi di Chikungunya nel Lazio: sospese donazioni sangue

Condividi!

Dopo la Malaria e la Tubercolosi, casi di Chikungunya, malattia virale caratterizzata da febbre acuta e trasmessa dalla puntura di zanzare infette, si sono verificati nella zona del Comune di Anzio.

Profughi portano il virus Chikungunya a Rovigo: lo spaccaossa

Le persone colpite ora starebbero bene ma, con una circolare inviata oggi, sono state bloccate le donazioni di sangue per 28 giorni per chi ha soggiornato nel comune. La Regione Lazio ha ordinato al comune di Anzio di procedere alla disinfestazione in un’area del suo territorio a seguito dei tre casi di febbre per infezione da virus Chikungunya.

VILLETTE SUL MARE PER I PROFUGHI AD ANZIO – VIDEO

La Asl RM 6 e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana hanno individuato nei giorni scorsi nella zona indicata la presenza di alcune zanzare, che provocano una sindrome influenzale di breve durata con dolori articolari.

Come nel caso della Malaria (parassita), il virus si trasmette attraverso le zanzare. Ma come nel caso della malaria, se importi una massa critica di infetti, poi la malattia si diffonde.




Lascia un commento