Disoccupato si uccide nella città dei lavori ai profughi

Condividi!

Nuovo omicidio di Stato a Settimo Torinese, dove un italiano di 53 anni, disoccupato, si è suicidato lanciandosi dal balcone del suo appartamento al quarto piano di via Vercelli, dove viveva con l’anziano padre.

Vicini e passanti hanno chiamato i soccorsi. L’uomo è stato portato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco dove è morto subito dopo il suo arrivo.

LE CASETTE DEI TERREMOTATI FINISCONO AI PROFUGHI, BUFERA SU CROCE ROSSA E GOVERNO

Per i media di distrazione di massa, soffriva di depressione. Provate a non deprimervi, quando non trovi lavoro a 53 anni e nel tuo comune ci sono migliaia di afroislamici ospitati in un lussuoso centro gestito dalla famigerata Croce Ro$$a. E li offrono per lavorare al posto tuo, ‘gratis’, ovvero pagati dai contribuenti.

VERIFICA LA NOTIZIA



Lascia un commento