Tunisini massacrano di botte poliziotto, asportata milza: tutti liberi

La situazione dell’ordine pubblico è totalmente fuori controllo. Orde di migranti sciamano da una zona all’altra del paese, liberi di spacciare e uccidere. Di violentare e picchiare poliziotti e carabinieri. Che non possono reagire, oppure il giudice rosso di turno li punisce.

Un assistente della Polizia di Stato in servizio al commissariato di Sanremo ha subito l’asportazione della milza dopo essere stato selvaggiamente picchiato, la scorsa notte, da un gruppo di tunisini in fuga; mentre il suo capo pattuglia, una donna, ha riportato lesioni guaribili in cinque giorni.

È stata, dunque, una notte ad alta tensione per una pattuglia della polizia intervenuta nei pressi del supermercato Carrefour, di Bussana, su chiamata di numerosi cittadini che lamentavano la presenza di un gruppo di nordafricani ubriachi che infastidivano i passanti. All’arrivo delle forze dell’ordine i tre scappano per il greto del torrente Armea e cercano di dileguarsi tra le fronde. I due poliziotti, però, non si lasciano intimorire e li inseguono. Riescono a fermarne uno, ma scoppia subito la colluttazione. L’uomo viene aggredito con estrema violenza, a calci e pugni.

VERIFICA LA NOTIZIA

I tre nordafricani non fanno certo distinzioni di sesso ed attaccano pure la donna, che finirà al pronto soccorso assieme all’assistente. Ad avere avuto la peggio, però, è l’uomo, che viene sottoposto a un intervento chirurgico di asportazione della milza. Dei tre tunisini: uno viene fermato; gli altri due scappano, ma uno dei fuggitivi – probabilmente quello che ha aggredito il poliziotto – viene successivamente intercettato e portato in caserma.

Ma l’unico arrestato, oggi, al processo per direttissima, patteggia 10 mesi di condizionale con la scarcerazione e l’obbligo di firma. Insomma, è di nuovo libero. Il poliziotto, invece, sta uscendo ora dall’anestesia.

“Esprimo la mia vicinanza ai due poliziotti in servizio al Commissariato di Sanremo che ieri sera, durante le quotidiane operazioni di presidio del territorio a tutela della collettività, hanno subito una violenta aggressione – ha dichiarato il sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri, che questo pomeriggio ha telefonato al questore di Imperia, Cesare Capocasa, per accertarsi delle condizioni di salute dei due poliziotti -. Con l’auspicio che tutti i protagonisti della vicenda siano presto assicurati alla giustizia e che siano quanto prima espulsi dal territorio nazionale, rinnovo i miei ringraziamenti alle donne e agli uomini che ogni giorno operano sul territorio a servizio della comunità e rivolgo i miei più sentiti auguri di pronta guarigione ai due poliziotti”.

In una società ideale, si applicherebbe il metodo Duterte: in un paio di settimane l’Italia sarebbe libera dagli spacciatori, che sono al 99% immigrati, e al 90% maghrebini. Certo, poi, servirebbe un’altra settimana per ripulire le strade dal loro sangue, ma molti di noi si offrirebbero volontari.



Lascia un commento