Migrante islamico su Barcellona: «Peccato, solo tredici morti»

Condividi!

Né simpatizzante né tantomeno radicalizzato ai precetti dell’Isis. Ma un normale immigrato islamico come tanti – questo sì preoccupante – venerdì mattina in un bar di Marinella, a poche ore dall’attentato terroristico di Barcellona, si era lasciato andare a una frase agghiacciante: «Peccato, solo tredici morti», accompagnata da una risata. Carabinieri e polizia in meno di ventiquattro ore sono riusciti a risalire all’identità del magrebino. Non ha legami con ISIS, il che è peggio, significa che ogni migrante islamico è, potenzialmente, un terrorista islamico.

Si tratta di un nordafricano residente nello spezzino, regolare sul territorio italiano e – a detta delle forze dell’ordine – perfettamente integrato. Ieri, l’uomo è stato raggiunto e identificato dai carabinieri.

Il migrante non è stato denunciato, ma carabinieri e polizia hanno comunque inviato un’informativa per conoscenza alla Procura del tribunale della Spezia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il nordafricano aveva pronunciato quella frase proprio mentre molti clienti del bar del litorale sarzanese erano con gli occhi rivolti verso la televisione, per vedere gli ultimi aggiornamenti sul terribile attentato di Barcellona. Dopo aver ‘gelato’ i presenti con quella frase, il migrante ‘perfettamente integrato’ aveva abbandonato di fretta e furia il locale per evitare le reazioni di quegli avventori che ascoltando le sue parole erano rimasti inorriditi.




Lascia un commento