Immigrato islamico cade da terrazza e muore, folla web esulta

Un tunisino di 36 anni è caduto sporgendosi dalla balaustra della terrazza sopra la cattedrale della Spezia morendo sull’asfalto, e sul web compaiono commenti a chiaro sfondo razzista: ‘Uno di meno’, ‘Nella bara ci finiamo noi se continuano ad arrivare barconi’, ‘Uno di meno da mantenere’. La capogruppo Pd in Regione Liguria Raffaella Paita con una nota stigmatizza i commenti e chiede agli amministratori dei siti web di “controllare i contenuti”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Festeggiare la morte di un uomo che muore precipitando dal balcone di una cattedrale – ha detto Paita – è un segno di inciviltà. Non importa se è un immigrato. Commenti di questo tenore sono espressione di una cattiveria senza giustificazioni, capace di inasprire un clima già difficile e non solo per l’arrivo dei migranti. La cospicua presenza di frasi ciniche è il segno della cultura intollerante in cui siamo sempre più immersi”. L’incidente è accaduto la notte scorsa, al termine dei festeggiamenti per l’inizio del Palio del Golfo.

Questo dovrebbe far capire quanto sia ormai dilagata l’esasperazione popolare. Quelli del Pd non si rendono conto di quello che stanno creando. Stanno ‘barbarizzando’ la società. Città assediate da spacciatori nordafricani e sbarchi senza sosta: quando poi uno di loro cade e muore, cosa volete che pensi la gente comune? Che si disperi per la mancanza dello spacciatore di quartiere? Il sonno della ragione genera mostri, voi ne avete creato uno che vi distruggerà.

Ps. Ovviamente la foto in alto è allegorica e tragicamente ‘ironica’, non sono i commentatori che si sono ritrovati in giro per esultare. Come solo qualcuno non dotato intellettivamente potrebbe pensare.



Lascia un commento