Albenga, vincono residenti: titolare della Coop fugge via con i profughi

Una freccia e la scritta “Profughi e grigliatore” con i punti di sospensione è comparsa ieri in viale Che Guevara ad Albenga. I residenti coraggiosi si ribellano ad entrambe le invasioni del territorio. Quella del business immigrati e quella del nuovo grigliatore per il trattamento dei reflui fognari.

Nei pressi dell’immobile di proprietà di un privato, nei prossimi giorni dovrebbe sorgere un nuovo centro di accoglienza gestito da una delle varie coop e onlus coinvolte nel business dell’accoglienza. Si dovrebbe trattare di una decina di migranti, ma gli abitanti sono preoccupati: “Già troppi sul nostro territorio. Non ne possiamo più. Ora basta”.

Il responsabile della coop oggi ha tentato di calmare la rabbia della settantina di manifestanti andando ad incontrarli di persona, ma poi ha preferito battere in ritirata e si è allontanato.

Il sindaco Cangiano e i rappresentanti del centrodestra si sono schierati dalla parte dei cittadini coraggiosi: “Sul nostro territorio c’è anche un alto numero di extracomunitari irregolari. Purtroppo, rispetto agli accordi tra privato, coop e Prefettura, il Comune può farci ben poco”.

VERIFICA LA NOTIZIA


Lascia un commento