RECORD SBARCHI: SERVONO ALTRI 400 MILIONI PER MANTERE PROFUGHI IN HOTEL

Condividi!

Le agenzie viaggio dell’invasione, un tempo chiamate Prefetture, sono a caccia di case vacanza per i fancazzisti afro-islamici scaricati nelle ultime settimane in Italia dai trafficanti umanitari.

Servono altri posti letto, altre strutture, altre coop e altre onlus da ingrassare: e altri soldi dei contribuenti da sottrarre a pensioni, assistenza e invalidi italiani.

Così, l’impegno di spesa, da qui a fine anno, viene incrementato di 387.230.796 euro. Soldi vostri. Che si aggiungono agli altri 4 miliardi circa.

Già vi abbiamo parlato delle carte di credito prepagate in Friuli. Ma la prefettura di Livorno paga ai fancazzisti anche il servizio legale: 42mila euro per aiutare l’immigrato a compilare la domanda di asilo in modo da fingersi un vero profugo. E noi gli forniamo assistenza per prenderci in giro.

Non manca neppure il mediatore culturale: impegno di spesa 84mila euro. E c’è da aggiungere che l’ultimo bando di gara per la prefettura di Livorno interessa 39 posti che costeranno all’erario 730mila euro.

Qualche giorno fa invece la prefettura di Modena ha pubblicato un ennesimo bando in due lotti: 1.144 posti, più altri 2.300 (55.259.000 euro). Ma anche Bologna incrementa gli ospiti: a novembre nell’hub del Centro Mattei ce n’erano 275, successivamente si è arrivati a 700 (2.254.000 euro). Quanto ai centri di accoglienza nella città delle due torri la spesa per 2.375 immigrati è di 50.706.250. Ma sono altre le città del Nord che aprono le porte. A Udine si provvede ad altri 1.030 (8.404.800 euro), a Genova 700 posti (14.871.500), a Bergamo 3.250 (62.448.750), a Milano arriveranno altri 90 migranti (567.000). Così nel centro Italia. Ad Ascoli Piceno andranno 640 immigrati in più (12.343.276) mentre ad Ancona l’ufficio territoriale del governo cerca alloggi privati da affittare per trasferirci i richiedenti asilo, ma ancora le stime effettive non sono concluse.

VERIFICA LA NOTIZIA
Non mancano le poste per potenziare l’ospitalità nei porti di approdo. A Cagliari ne andranno 3.500 (100.695.000 euro), altri 300 adulti verranno distribuiti a Nuoro (1.575.000) e 65 minori (728.748). Palermo apre a 1.300 posti in più nei centri Cas (20.852.000), a Siracusa 1.000 adulti (16.040.000) e 250 minori (6.730.600), a Ragusa nuovi 150 posti (735.000). E anche Lampedusa fa di nuovo la sua parte: l’hot spot accoglierà 381 immigrati (4.867.275) erogando anche un servizio di interpretariato veloce per 570 ore (15.650 euro). Passando alla terraferma: Bari cresce di altri 300 posti (1.241.280) temporanei e di altri 744 nel Centro per richiedenti asilo (21,5 milioni). A Corigliano calabro 800 posti (3,72 milioni) e a Crotone è stato annunciato un bando straordinario per 400 nuovi stranieri: 835mila euro da ottobre e novembre di quest’anno.

E’ un gigantesco e criminale business di Stato. Quando uno Stato depreda i propri cittadini per sollazzare orde afro-islamiche, quello Stato va abbattuto.




Lascia un commento