Stx – Fincantieri: tutti i governi fanno interessi nazionali, tranne il nostro



“Riteniamo grave e incomprensibile la decisione del governo francese di non dare seguito ad accordi già conclusi”, dicono i ministri dell’Economia Pier Carlo Padoan e dello Sviluppo Economico Carlo Calenda in risposta all’annuncio di Parigi di nazionalizzare STX France, di fatto espropriano il 66% in mano all’italiana Fincantieri.

VERIFICA LA NOTIZIA
Gli accordi, hanno ricordato i ministri, “garantivano la tutela dei livelli occupazionali in Francia e del know-how francese attraverso una governance equilibrata e in una prospettiva autenticamente europea. Riteniamo che a fronte degli impegni già assunti da Fincantieri a tutela degli interessi francesi non sussista alcun motivo perchè la società italiana, leader del settore, non possa detenere la maggioranza di STX, società fino ad oggi sotto controllo di un gruppo coreano per i due terzi del capitale sociale” precisano aggiungendo che “riceveremo il ministro Le Maire martedì prossimo a Roma e ascolteremo la proposta del Governo francese partendo da questo punto saldo. Nazionalismo e protezionismo non sono basi accettabili su cui regolare i rapporti tra due grandi paesi europei. Per realizzare progetti condivisi servono fiducia e rispetto reciproco”.

La realtà è che tutti i governi parlando di ‘europa’, ma poi tutti i governi fanno gli interessi nazionali. Giustamente. Tutti, tranne il nostro. Non eletto, e che risponde quindi a poteri post-nazionali invece che agli elettori.



Lascia un commento