Sfrattano Italiani per dare case popolari a Bengalesi: scatta spedizione punitiva

Condividi!

Un bengalese è stato aggredito a calci e pugni, mentre era andato a vedere la casa popolare che gli era stata assegnata nel quartiere romano di Tor Bella Monaca. Una casa popolare italiana ad un bengalese: che va a vedere se gli va bene. E’ accaduto lunedì.

Il bengalese, un 52enne, ha raccontato agli agenti del Commissariato Casalino, dove ha denunciato i fatti, di essere stato aggredito da un gruppo di ragazzi tra i 20 e i 25 anni al grido: “Qui non c’è posto per te”.

L’episodio è avvenuto mentre il bengalese stava visitando l’alloggio popolare assegnatogli dal comune in largo Ferruccio Mengaroni.

VERIFICA LA NOTIZIA

A Roma è emergenza abitativa. Famiglie italiane con bambini, anche disabili, vengono sfrattate perché le case popolari dove vivono sono state assegnate a immigrati. Tutto questo è legale, ma solo perché la legge è fatta da criminali politici.

E’ poi inevitabile che qualcuno difensa, con la violenza, il diritto degli italiani ad avere le case popolari costruite dagli italiani, invece che finiscano al primo immigrato che sbarca. Un bengalese, di quelli che stanno infestando la città.




Lascia un commento