Charlie non deve morire, Ue immorale



Beppe Grillo critica duramente la decisione della Corte europea per i diritti umani sul caso del piccolo Charlie Gard.

“Avere la risposta in tasca per situazioni come queste è arrogante in ogni caso, ma la vita va salvaguardata senza dubbio”, ha scritto Beppe Grillo sul blog, inserendosi in una polemica che si riaccende nel giorno in cui è stato annunciato che le macchine che tengono in vita il bimbo inglese di dieci anni saranno staccate.

VERIFICA LA NOTIZIA
“È così che funzioniamo? Quale sarebbe la differenza che questa palla al piede morale, la UE, è in grado di aggiungere in una simile situazione: neppure un tentativo di conciliazione come fece Pilato, in sostanza la Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha detto ‘Sono cazzi loro, questioni interne degli UK'”.

“È un omicidio con la complicità, anche questa volta, dell’Ue che tace – è convinto Salvini – . Da papà, un bacio al piccolo e un abbraccio fortissimo ai suoi coraggiosi genitori”.

“Il testo Camera Dat permette l’eutanasia su minori con sospensione presidi vitali. Sei contrario? Aiutaci! In Senato possiamo evitarlo”.
Gaetano Quagliariello si appella al Movimento 5 Stelle, dopo il post di cui Beppe Grillo.



Lascia un commento