Brescia, trascinate in un casolare e stuprate da profugo armato

Condividi!

Un nigeriano 33enne richiedente asilo per motivi umanitari (!) è stato arrestato dai carabinieri di Capriolo, provincia di Brescia, con l’accusa di violenza sessuale. L’uomo è finito in manette dopo avere abusato di due ragazze di 26 e 21 anni, domiciliate a Torino.

Le ha contattate su Facebook: «Vi posso offrire un lavoro, vi aspetto a Capriolo», in sintesi. Le due donne, anche loro profughe nigeriane, hanno preso il treno e, dopo aver raggiunto la stazione di Palazzolo sull’Oglio, sono arrivate a Capriolo a piedi.

Reggio: la bufala dei nigeriani in fuga dalla guerra – FOTO

VERIFICA LA NOTIZIA

Lui le ha portate in una casa abbandonata alla periferia del centro abitato e, una volta dentro, sono iniziati gli abusi. Sotto minaccia di un ferro per la tessitura a maglia, le ha violentate fino al mattino seguente quando, approfittando di un momento di distrazione dell’aguzzino, le due sono riuscite a scappare. I carabinieri, subito allertati dalle vittime e grazie alle loro indicazioni, hanno individuato la casa cogliendo di sorpresa l’uomo. E’ stato denunciato per sequestro di persona e duplice violenza sessuale.

Stiamo importando masse di spacciatori e stupratori. Date un’occhiata, ormai i profughi dominano anche nei crimini degli immigrati.




Lascia un commento