Imponente manifestazione: migliaia contro Vaccini obbligatori a Pisa

Condividi!

Migliaia di persone stanno partecipando a Pisa ad una fiaccolata contro la vaccinazione obbligatoria. Il corteo ha attraversato pacificamente le principali vie del centro cittadino aperto da un grande striscione sul quale è scritto: “Con la salute non si scherza. Libertà di scelta e sicurezza”.

Al corteo, senza alcuna insegna di partiti politici, le migliaia di cittadini scandiscono lo slogan “libertà, libertà” e tra loro sono presenti molte famiglie con bambini. La manifestazione ha letteralmente invaso il centro storico sostituendosi di fatto al consueto affollamento di giovani che animano la chiassosa movida pisana.

Vaccini utili, ma l’epidemia di Morbillo dipende da altro – MAPPE

VERIFICA LA NOTIZIA
Intanto, smontata la fake news che i media di distrazione di massa hanno veicolato ieri: “I fratellini non c’entrano nulla con il morbillo” che ieri ha stroncato la vita del bambino malato di leucemia ricoverato all’ospedale San Gerardo di Monza. Lo ha detto oggi il professor Andrea Biondi, primario della Clinica Pediatrica del San Gerardo. “Il problema è che abbiamo avuto un’epidemia che ha colpito una regione, ha colpito l’Italia” ha aggiunto Biondi. “Da questo dramma bisogna prendere come lezione positiva questa verità: se viene meno l’effetto di una comunità, le persone e i bambini più deboli possono pagare un prezzo più alto. Questa è la lezione che dobbiamo prendere, non cercare dei responsabili, e tantomeno pensare che i genitori, che vivono un dramma nel dramma, possano essere considerati responsabili”. Ma se i fratellini fossero stati vaccinati, il bimbo deceduto poteva salvarsi? “La risposta è no”, ha detto categorico il primario. “E’ fuori da ogni possibilità”.

I vaccini sono importanti. Ma ci vuole moderazione e analisi caso per caso, senza ‘greggi’. Perché non siamo pecore. Il fanatismo vaccinista è un errore quanto quello anti.




Lascia un commento