Berlusconi scopre l’Islam: “Maometto era uno schiavista, pericoloso accogliere islamici”

Condividi!

Si avvicinano le elezioni – “Sarebbe giusto che chiunque facesse domanda di cittadinanza italiana fosse sottoposto a un esame”. Lo ha detto Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, parlando di ius soli e lanciando un allarme sull’immigrazione islamica a Porta a Porta. “Come liberale e come cristiano – ha precisato – concordo sul fatto dell’accoglienza e dell’integrazione. Però mi torna difficile pensare che l’Italia attirerebbe una massa enorme di persone non solo a cercare un futuro migliore ma anche alla ricerca della cittadinanza”.

“Alcuni anni fa – ha proseguito – un famoso islamista ebbe a dire ‘conquisteremo l’Occidente con il ventre delle nostre donne’. Quando l’Islam parla, e lei sa bene che l’Islam non ha un papa che dà l’intepretazione corretta delle sacre scritture, Islam si può interpretare come si vuole. C’è chi intende l’Islam per la pace e la convivenza tranquilla e c’è chi invece lo ritiene come guerra alla Maometto che, ricordiamocelo, fu un generale che conquistava le città, si faceva gli schiavi e si faceva assegnare gli schiavi personalmente”.

“Il califfato che è nato sull’Islam – ha detto ancora Berlusconi – impone di tagliare la gola a chi è cristiano o ebreo. Non dobbiamo sottovalutare questa possibilità di una perdita dell’identità italiana con un afflusso eccessivo di persone che vengono con identità musulmana”.

VERIFICA LA NOTIZIA
In realtà la cittadinanza non dovrebbe essere data che in casi eccezionali. Perché essere italiano non è una questione di ‘qualità’, ma di identità: non sei migliore di un altro, ‘sei’. Così come sei giapponese. Si puà invece pensare a permessi di residenza ‘a vita’ per chi è integrato, senza confondere l’identità di un individuo. C’è anche una malcelata forma di razzismo nel volere rendere italiano uno straniero, come riconoscerne implicitamente l’inferiorità.




Lascia un commento