Si uccide l’aguzzino gay di Luca Varani

Marco Prato, l’aguzzino gay del povero Luca Varani, l’ha fatta finita e si è tolto la vita nel carcere di Velletri all’una e dieci di questa notte. Così finisce la storia del pervertito della movida gay di Roma.

Era arrivato nella casa circondariale da poco tempo: in precedenza era detenuto nel carcere romano di Regina Coeli.

VERIFICA LA NOTIZIA
Di notte è andato in bagno dove, infilando la testa in una sacchetto di plastica ha respirato il gas contenuto nella bombola che viene data in dotazione ai detenuti nelle celle. Geniale dare bombole di gas ai detenuti.

Di fatto Prato aveva scelto il rito ordinario per il suo processo. Una scelta diversa rispetto all’altro ragazzo, Manuel Foffo, che con l’accusa di omicidio ha scelto invece il rito abbreviato ricevendo una condanna a 30 anni.

Da tempo Prato ribadiva la sua innocenza affermando di essere succube di Foffo. Durante le indagini i due si sono accusati a vicenda.



Lascia un commento