Amatrice: terremotati dovranno pagare tassa sulle macerie



Niente esenzione per Amatrice: decine di parenti delle vittime saranno costretti a pagare la tassa di successione sulle macerie. Il governo non ha inserito nella manovra correttiva l’esenzione per le case distrutte dal sisma che ha colpito il Centro Italia il 24 agosto 2017. Inoltre a tale spesa dovrà aggiungersi probabilmente anche il costo per smaltire quel che resta delle abitazioni.

“Mio zio, che non aveva figli – denuncia Gianluca – è morto schiacciato dalle macerie della sua abitazione in centro storico ad Amatrice; l’erede diretto è mio padre e abbiamo calcolato che la tassa di successione ci costerà circa 5mila euro”.

Francesca: “Non ho alcuna intenzione di pagare per delle rovine, oltretutto dopo aver perso i miei genitori”.

VERIFICA LA NOTIZIA
“Anche se io sono nato a Roma – dice Riccardo -. Amatrice fa parte della storia della nostra famiglia, siamo legati visceralmente a quella terra. Siamo pronti a sostenere dei costi per ricostruire, per non far morire le nostre radici, ma il governo per lo meno non ci complichi la vita”.

Il governo abusivo è nato per recidere le nostre radici.



Lascia un commento