Ci sono 300 ‘hotel’ che ospitano cosiddetti profughi solo al Nord



Nuovo stanziamento per mantenere i cosiddetti profughi in hotel. La Commissione Europea ha stanziato altri 58 milioni di euro, tramite il Fondo per l’Asilo, le Migrazioni e l’Integrazione (Amif, soldi dei contribuenti di tutti i paesi UE, compresi quelli italiani), a favore del Ministero dell’Interno italiano, perché migliorino le condizioni di accoglienza per i richiedenti asilo. Hotel più di lusso.

In particolare, i fondi aiuteranno a fornire alloggio, vitto, assistenza sanitaria, informazioni legali e mediazione linguistico-culturale ai richiedenti asilo in 300 hotel per profughi nell’Italia del Nord, spiega l’esecutivo comunitario. Con questo stanziamento, i fondi d’emergenza forniti all’Italia arrivano a 147,6 milioni, che si aggiungono ai 592,64 allocati a favore dell’Italia nei programmi nazionali dello stesso Amif e del Fondo per la Sicurezza Interna. Tutto questo mentre sempre più italiani muoiono letteralmente di fame, senza che governo nazionale ed europeo muovano un dito.

Un anno di sbarchi ci costa il doppio delle pensioni minime

VERIFICA LA NOTIZIA
I Fondi UE non sono soldi che la UE ci regala. Sono soldi dei contribuenti italiani che vanno a Bruxelles e poi, in parte, tornano. Ma finiscono a zingari, immigrati e Ong varie. Intanto apprendiamo che nel solo nord esistono ben 300 hotel per profughi. Vere e proprie basi per l’invasione.



Lascia un commento