“Aggredita perché ho protestato contro Bergoglio”



E’ stata fermata per un controllo dei documenti di circa mezz’ora la manifestante anti papa che sabato mattina era a protestare pacificamente contro il Santo Padre

“Via il Vaticano dallo Stato italiano”, sono queste le parole che Rebecca ha scritto nel cartellone che ha esposto; questo fino all’arrivo degli agenti di polizia che le hanno preso il cartello e l’hanno trattenuta per mezz’ora per un accertamento sui documenti e sul casellario penale.

“Una signora mi ha afferrata in malo modo per strapparmi il cartellone, mi ha strattonato dicendomi di essere della polizia scrive la donna su Facebook – Mi dicono che se non la smetto di parlare mi avrebbero portato in questura. Su che basi? Non ho fatto nulla, è cosi che fate il vostro lavoro? Portando in centrale persone che esercitano i loro diritti?”

VERIFICA LA NOTIZIA
Tutti si possono contestare pacificamente, tranne lo Stato Vaticano? Voi venite pagati con le tasse, siete al nostro servizio. Non potete sprecare tempo a dar fastidio a una persona che non stava facendo niente di male. E lei non può permettersi di mettermi le mani addosso. Mi dia il suo numero di distintivo. Lei se lo copre. Le dico che è illegale, lei mi dice me ne frego della legge”.



Lascia un commento