Bologna, bimbi costretti ad inscenare matrimoni a scuola

Due maschietti di fronte ad un immaginario altare, il fatidico sì e poi (forse) pure il bacetto gay. A Poggetto, piccola frazione in provincia di Bologna, scoppia la polemica dopo la denuncia di alcune mamme, i cui figli hanno raccontato a casa di lezioni a dir poco particolari che le maestre avrebbero imposto alle loro classi.

Sono almeno tre i bimbi che hanno trovato il coraggio di raccontare quanto sarebbe successo mercoledì scorso in una terza elementare dell’Istituto Comprensivo di San Pietro in Casale: un vero e proprio matrimonio omosessuale, benedetto dalle maestre. “Abbiamo verificato e le versioni sulla simulazione dell’unione gay combaciano”, racconta Sara, nome di fantasia di una esponente (che vuole rimanere anonima) del gruppo #insiemepossiamo, nato per combattere la diffusione delle teorie gender nelle scuole locali.

VERIFICA LA NOTIZIA
Se tre indizi fanno una prova, le testimonianze degli scolaretti dovrebbero bastare per montare un caso. Potrebbe trattarsi una bugia inventata dal comitato, direte. Difficile, visto che oggi è arrivata la conferma via Facebook di una mamma non iscritta al movimento. “Il gender a scuola di mia figlia ha già prodotto i suoi primi effetti – scrive Silvia Claudia Rossi – In classe spesso giocano a fare i matrimoni fra loro. Ieri ho saputo che finalmente hanno celebrato il primo matrimonio gay fra due maschietti! Con relativo bacio degli sposini”.

Eversori. E della specie peggiore, perché stanno tentando di rovesciare l’ordine naturale delle cose. Urge una rivolta che ripristini ciò che è giusto.

E attenzione a voi che pensate l’argomento immigrazione sia separato da quello dei valori dell’etica morale: prima di invadere una società, devi indebolirla dall’interno. L’omosessualizzazione della nostra cultura, insieme con altre patologie progressiste come il consumismo affettivo, serve a preparare il terreno. A rendere la società più permeabile.

Tornando a U&D, che presto potrebbe varare anche un cambio nel nome in un più ‘corretto’ persone e persone, perché fermarsi alle ‘coppie’ omo? E la poligamia? E poi basta con quegli obsoleti limiti di età e di specie. L’entropia non ha un confine, è come il nulla del film la ‘storia infinita’: si mangerà tutto.

E’ bene che le menti pensanti d’Occidente inizino a parlare e ad opporsi all’imperante desidero di “dis-ordine” e autodistruzione che sta lentamente annientando la società occidentale. La “lotta” politica del futuro non è tra destra e sinistra, è tra Entalpia ed Entropia. Tra i fautori del disordine morale e sociale, e i difensori dell’ordine naturale delle cose.

Perché l’obiettivo del partito dell’Entropia è la dissoluzione della società occidentale, attraverso l’inoculazione nel tessuto sociale di elementi disgregatori come l’immigrazione e i sedicenti diritti gay e delle minoranze.
Perché più la società sarà disgregata, più facile sarà il controllo dell’élite oligarchica su di essa.
La ricerca esasperata di micro-minoranze da aggregare nella lotta contro l’ordine naturale delle cose, ha l’unico e malcelato scopo dell’instaurazione di una società dis-eguale e oligarchica. Dove una élite, intoccata dall’entropia morale inoculata nella popolazione, dominerà una società-poltiglia dove l’unico valore sarà il dis-valore e il soddisfacimento immediato di ogni capriccio.

E’ questo il mondo dove i bambini si concepiscono in provetta e poi si “disconoscono”. E magari, poi, li si vende a qualche Elton John.

Viviamo un’epoca oscura, nella quale le stesse basi della nostra esistenza sono scosse alle fondamenta. Dove i valori sono ribaltati e il vizio ha lentamente oscurato la verità. Del resto, anche l’universo ha quasi smesso di partorire stelle.

Arrendersi, non è un’opzione.



Lascia un commento