Ramadan: carcere per chi sarà sorpreso a mangiare, turberebbe musulmani

Condividi!

Un emendamento a una legge del 1981 renderà ancora più difficile il mese del Ramadan in Pakistan per chi non è musulmano. Per chi sarà trovato a fumare o mangiare durante il periodo di digiuno islamico, infatti, è prevista la condanna a tre mesi di carcere.

Per chi verrà trovato a mangiare (o bere) o con una sigaretta prima della rottura del digiuno la sanzione sarà di 500 rupie (circa 4.5 euro). Per stazioni televisive e cinema trovati in violazione delle norme si arriverà a 500.000 rupie, più di 4mila euro.

VERIFICA LA NOTIZIA
Comunque nulla in confronto alla proposta avanzata da Pir Amin Ul Hasnat Shah, ministro per gli Affari religiosi, che durante il ramadan aveva proposto la chiusura totale dei cinema, mentre mangiare in pubblico durante il mese sacro per l’islam è non solo difficile – i ristoranti non sono aperti – ma anche proibito.




Lascia un commento