Terrorismo, espulso per finta immigrato egiziano: contatti con stragista Berlino Amri

Condividi!

Un immigrato egiziano 43enne è stato espulso per motivi di pericolosità sociale. Già condannato per reati comuni, l’immigrato era stato espulso per finta dal territorio nazionale nell’aprile 2013, dopo aver ottenuto in maniera fraudolenta un visto dall’ Ambasciata d’Italia in Egitto. E’ poi emerso un suo ruolo nelle indagini sui contatti in Italia dell’attentatore di Berlino Anis Amri. E’ risultata sua un’utenza mobile utilizzata da Amri durante permanenza in Italia, nel periodo successivo alla sua scarcerazione del maggio 2015.

VERIFICA LA NOTIZIA
Il 21 aprile scorso la Digos di Catania ha rintracciato l’egiziano e ha trovato nel camper in cui viveva un machete di fattura artigianale, lungo circa 40 cm, e un telefono cellulare contenente, fra l’altro, un file audio riproducente inni jihadisti e una foto del responsabile dell’omicidio dell’Ambasciatore russo in Turchia avvenuto lo scorso dicembre nella capitale turca. Il cittadino egiziano è stato quindi trasferito al centro per rimpatri di Brindisi – Restinco e rimpatriato dalla frontiera di Roma Fiumicino con un volo diretto a Il Cairo.

Il centro è famoso per essere stata base logistica di ISIS, una genialata averlo messo proprio lì.




Lascia un commento