Verme nel sangue di un profugo, diagnosticata malattia rara in Abruzzo

Condividi!

Grazie ai migranti sperimentiamo nuovi tipi di malattie che arricchiscono il nostro bagaglio infettivo.

E’ stata infatti individuata, per la prima volta in Abruzzo, una malattia rarissima, dovuta a un parassita presente nell’Africa subsahariana. Si chiama Loiasi la patologia, con pochissimi casi in Italia, tutti ‘grazie’ a immigrati, che l’ospedale dell’Aquila è riuscito a decifrare dopo una investigazione medica durata una settimana e condotta su un cosiddetto profugo nigeriano di 27 anni, da alcuni mesi nel capoluogo regionale. Immaginate i costi.

L’immigrato viene tenuto sotto osservazione. Per evitare ulteriori gravi sviluppi della patologia (tra cui l’encefalopatia) gli specialisti hanno predisposto un programma terapeutico da avviare con farmaci specifici che in Italia, proprio per la rarità del caso, non sono immediatamente disponibili e che arriveranno nei prossimi giorni. A spese del contribuente italiano.

L’immigrato, nei giorni scorsi, si è presentato in pronto soccorso riferendo di avvertire la presenza di un corpo estraneo all’interno di un occhio e un forte, insistente prurito sulla pelle che durava da giorni. Durante il ricovero al reparto di malattie infettive il giovane è stato sottoposto a più visite oculistiche, senza alcun esito, e successivamente a una fitta serie di esami effettuati dal laboratorio analisi per inquadrare il caso con una prognosi. Sempre a spese nostre.

VERIFICA LA NOTIZIA
VERIFICA LA NOTIZIA
Un complicato puzzle medico che i medici sono riusciti a risolvere, stabilendo che si trattava di un caso di microfilarie, riconducibile a un verme parassita, presente nella aree tropicali, il Loa Loa, in particolare nell’Africa del subsahara.
L’infezione è opera di un verme che, nel caso del paziente nigeriano, si è spostato dall’occhio al sangue, dove è stato intercettato.

Loa loa è un nematode filariasi comunemente chiamato verme dell’occhio. È infatti uno dei pochi vermi responsabili della filariasi sottocutanea nell’uomo. I vermi loa loa hanno un corpo molto semplice, composto da testa, corpo e coda. Si muovono attraverso il grasso sottocutaneo, cibandosene, ma anche nel tessuto connettivo, nelle sierose, nel Sistema circolatorio linfatico o nel sangue.




Lascia un commento