Dal passato riemerge la statua gigante di Ramses II



Una statua gigante, lunga 8 metri, che si ritiene raffigurasse il Faraone Ramses: è la scoperta eccezionale effettuata dagli archeologi egiziani in un quartiere popolare del Cairo. Accanto, un’altra di circa un metro di Seti II.

ramses5

ramses1

ramses

ramese

Il ritrovamento è avvenuto in un’area nei pressi di un tempio di Ramses II dove sorgeva l’antica Heliopolis.

Le due statue risalgono alla XIX dinastia, ha spiegato il ministero delle Antichità egiziano. Quella che dovrebbe raffigurare Ramses II è “spezzata in grandi pezzi” ed è fatta di “quarzite”.
Sono emerse solo “parte della testa, con un orecchio e un occhio” e della corona.

VERIFICA LA NOTIZIA
VERIFICA LA NOTIZIA
La statua di Seti II, di cui sono stati rinvenuti circa 80 centimetri, è “a grandezza naturale”.
La scoperta “è una delle più importanti” fra quelle “recenti”, scrive ancora il sito sintetizzando dichiarazioni del capo della missione egiziana, il professor Ayman al-Ashmawy.

La magnificenza di questa statua in contrasto con l’ambiente attuale rende evidente cosa significhi il declino prima e il crollo poi di una civiltà, causati da sostituzione etnica e islamizzazione. Dove un tempo abitavano popolazioni Egizie, oggi vivono Arabi e subsahariani. Immaginate, tra qualche secolo, il ritrovamento della testa del David, in una Firenze ormai africanizzata.



Lascia un commento