Magistrato concede Asilo a Tunisino perché lì terroristi sono trattati male

Condividi!

fact_iconNuova ordinanza eversiva di un Tribunale italiano. Quello di Lecce riconosce a un cittadino tunisino la protezione sussidiaria. Ad un tunisino! Ricordiamo che la famigerata ‘protezione sussidiaria’ esiste solo in Italia. Ed è uno scandalo.

Il Giudice ha considerato la storia del ricorrente credibile e ha valutato che per la sua specifica situazione personale, in caso di rimpatrio, ‘possa’ esserci il “concreto rischio di subire atti di tortura o altri trattamenti inumani o degradanti”.

In Tunisia, dopo gli attentati terroristici, vi è stata una stretta repressiva che ha limitato i diritti fondamentali e sono emersi episodi di tortura e altri maltrattamenti di detenuti, soprattutto durante le fasi dell’interrogatorio nei giorni immediatamente successivi all’arresto, come riportato nel rapporto Amnesty 2016.

Poveri terroristi islamici. Li trattano male. Quindi diamo asilo ai tunisini. E poi, su quali basi un tribunale italiano si rifà a sedicenti rapporti di una onlus di hippies come Amnesty International? Un tribunale dovrebbe rifarsi solo a fonti ufficiali dello Stato, magari a rapporti dei Servizi, non certo a quelli di privati che, tra l’altro, hanno tutto l’interesse a favorire l’islamizzazione dell’Europa.

E’ chiaro che i magistrati come questo non applicano la legge, se la inventano di sana pianta.

Noterete che il nome del giudice che ha deciso è ‘tagliato’.  Probabilmente c’è qualche legame particolare:

Peccato si siano dimenticati di eliminarlo anche da bordo pagina. E peccato tra i giudici del tribunale di Legge sez. civile ci sia un solo Ottavio, tal Ottavio Colamartino.

Il personaggio ha il vizio di concedere asilo in modo un po’ facile.

Non solo. Questo magistrato, che regala asilo politico ai tunisini, è stato trasferito a Lecce perché indagato per il raggiro di un’anziana:

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2016/03/26/raggiro-erede-agnesi-si-indaga-anche-sul-procuratore-capoGenova07.html

E’ il caso di affidare ad un personaggio simile la nostra sicurezza?




Lascia un commento