Italiana suicida: “Non ho i soldi per pagare bollette”

Condividi!

IL SUICIDIO NON LONTANO DALL’HOTEL EXCELSIOR CHE OSPITA 150 PROFUGHI, LORO NON HANNO PROBLEMI DI BOLLETTE, LE PAGANO I CONTRIBUENTI

fact_iconUna giovane donna di 36 anni si è uccisa a Pescara. Si è tolta la vita nella sua abitazione di Montesilvano, Pescara: in un biglietto ai familiari ha spiegato che le «troppe bollette
e troppi pagamenti» non le lasciavano scampo. E’ un’altra vittima della ‘ripresa’ del Pil.

A lanciare l’allarme è stato il fratello, che non la sentiva da alcuni giorni. Sul posto sono intervenuti 118, Vigili del Fuoco per l’apertura della porta e Carabinieri. Secondo gli accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe a ieri e all’origine ci sarebbe un abuso di farmaci.

A Montesilvano gozzovigliano oltre un centinaio di fancazzisti definiti ‘profughi’. Per la precisione hanno gozzovigliato per mesi oltre 150 giovani maschi africani all’Hotel Excelsior.

montesilvano-excelsior
http://www.primadanoi.it/news/cronaca/567884/immigrati-a-montesilvano–forza-italia—sgomberare-l-hotel-excelsior-.html

Non solo, il sindaco ha deciso giorni fa di aderire al progetto SPRAR, il piano di colonizzazione del territorio italiano a lungo termine: “Procederemo presto all’individuazione degli immobili, mediante avvisi pubblici – dice il primo cittadino – che potranno ospitare questi centri di seconda accoglienza che saranno dislocati su tutto il territorio”, la scusa ufficiale è che, aderendo, il governo promette di non inviarti profughi di nascosto. Insomma: ti fai sodomizzare alla luce del sole per evitare uno stupro notturno.




Lascia un commento