Festival della Musica italiana: che c’entra un Albanese a Sanremo?

Condividi!

Botta e risposta tra Ermal Meta e Dj Aniceto. Su Twitter ha infatti cinguettato (poi ha rimosso il post per non essere linciato dai media di distrazione di massa): “Sarà pure Fiorello ma comunque mi sembra un po’ fuori luogo far vincere un extracomunitario a Sanremo”. Molto fuori luogo, visto che, in teoria, si chiamerebbe ‘Festival della musica italiana’.

E la risposta non si è fatta attendere. Il cantante albanese ha infatti scritto: “La tenerezza che fa l’ignoranza e l’imbarazzo di cancellare le tracce dopo un’affermazione così stupida”.

Botta e risposta su Twitter tra Ermal Meta e Dj Aniceto

Botta e risposta su Twitter tra Ermal Meta e Dj Aniceto

 

Botta e risposta su Twitter tra Ermal Meta e Dj AnicetoI due hanno quindi continuato a discutere sui social: “Caro @MetaErmal capisco la spocchia del vincitore ma se sei nato in Albania non è colpa mia”, ha replicato Dj Aniceto. L’albanese ha reagito con ‘stile’: “Se facessero un campionato di coglioni tu arriveresti secondo. Sai perché? Perché sei coglione! Addio mangiatore di byte!”. Il primo è lui.

Seriamente. Chiamatelo ‘festival internazionale’, e nessuno si scandalizzerà se lo vince un Maori. Ma se lo chiamate ‘della musica italiana’, fare vincere un albanese stona. Molto.

E, ovviamente, non c’entra nulla il razzismo, sia perché gli albanesi non sono un’altra razza, sia perché sarebbe lo stesso se un italiano venisse invitato al festival di Scutari.

La realtà è che, come nel caso di Miss Italia, c’hanno provato in tutti i modi. Poi è arrivato il voto popolare a disturbare i loro piani di propaganda: perché anche lo spettacolo è, per loro, terreno di propaganda.




Lascia un commento